BIOGRAFIA DISCOGRAFIA MUSICISTI E STRUMENTI RECENSIONI COLLABORAZIONI RECENT WORKS MULTIMEDIA CONTATTI   ENGLISH VERSION
   
 


Tito Rinesi, compositore e ricercatore nell’ambito della musica etnica e popolare dei vari paesi del mondo, suona gli strumenti a plettro come il bouzouki, il saz, il baglamas, la chitarra acustica, ed anche il pianoforte, le tastiere e tutta la strumentazione elettronica. Inoltre canta.
Nasce musicalmente intorno al ’68, suonando (con la chitarra acustica e l’armonica), la musica Country e la West coast americana (Bob Dylan, Donovan, Joan Baez, Crosby, Stills & Nash), esibendosi anche al Folkstudio di Roma.

Nel 1972, dopo aver assistito ad un concerto di Pandit Pran Nath (maestro di Terry Riley e di LaMonte Young), che segna una svolta decisiva nella sua direzione di ricerca, entra nel Living Music, gruppo multimediale ispirato ai poeti della Beat Generation ( Ginsberg, Kerouac, Fernanda Pivano etc.) e alla filosofia dell’India. Con loro partecipa al Festival di Musica d’Avanguardia e Nuove Tendenze, a Roma, e si piazza al primo posto con una sua composizione intitolata Go On; ne facevano parte tra gli altri, per la sezione musica, anche Francesco Giannattasio (tablas), Pasquale Minieri (basso) e Costantino Albini (sitar).

Nel 1972-73 accompagna, alla chitarra acustica, Antonello Venditti in concerto.

Dal 1973 fa parte anche del gruppo acustico Dulcimer.

Nel 1974 entra nel gruppo di progressive rock Saintjust, con cui incide un disco per la EMI (alla voce c’è Jenny Sorrenti, alla batteria Fulvio Maras).

Dal 1976 in poi si dedica interamente alla ricerca e allo studio delle musiche tradizionali dei vari paesi del mondo, in particolare l’India, il Medio Oriente e il Mediterraneo e compone numerose colonne sonore per cinema, teatro, radio e televisione, integrando elementi (scale, stutture ritmiche e melodiche, strumenti) provenienti da tradizioni culturali diverse, e riavvicinando tra di loro l’Oriente e l'Occidente, così come il Nord e il Sud del mondo.

Dal 1988 riprende a pubblicare su CD le sue composizioni, caratterizzate fortemente dalle sonorità degli strumenti etnici (bouzouki, harmonium e saz in particolare).

Da una quindicina di anni collabora stabilmente con la RAI, sia come autore di musiche originali per vari programmi, che come compositore di CD per la loro Music Library, prima con la Fonit Cetra, (4 CD ) e poi con RAI Trade (18 CD) Punto di riferimento per tutto quello che riguarda le musiche tradizionali dei vari Paesi del Mondo, compone anche musiche di carattere storico, ambient, chillout, sperimentale, sulla natura, su temi d'attualità etc. Nell’arco della sua lunga carriera ha pubblicato più di 40 CD (tra dischi a pubblicati a proprio nome e partecipazione a varie compilations).

 

 
   
 
 
 

Ha studiato Storia della Musica presso la facoltà di Lettere dell’Universita’ La Sapienza di Roma
e privatamente : chitarra, pianoforte, solfeggio e canto classico.

Ha frequentato corsi di:

# Canto Indiano ( stile Khyal ) con Sangeeta Bandhyopaday Chatterjee
# Canto Indiano ( stile Khyal ) con Mangala Tiwari
# Canto Indiano ( stile Dhrupad ) con Amelia Cuni
# Canto Indiano ( stile Dhrupad ) con Sayeduddin Dagar
# Canto Indiano ( stile Dhrupad ) con Ustad F. Wasifuddin Dagar
# Musica Indiana ( con Vijay Kichlu )
# Musica Turca ( con Cinucen Tanrikorur )
# Canto Turco Ottomano ( con Ahmet Erdogdular )
# Canto con gli Armonici ( con David Hykes )
# Musica Elettronica ( con Luca Spagnoletti)

Ha cantato nel Coro Sperimentale diretto da Alvin Curran, nel Coro Barocco del Centro Italiano di Musica Antica e nel coro di canto armonico “ Overtone Memories “ diretto da Roberto Laneri.
Ha lavorato per l’Associazione Italiana di Musicoterapia presso l’Ospedale psichiatrico S.Maria della Pietà di Roma.
Ha composto musiche per il cinema, la pubblicità, per pubblicazioni in DVD, il teatro (ultimamente per l’Edipo re ), la radio ( tra cui La Bibbia di Radio 2 ) e la televisione ( per Geo & Geo, Ulisse, Gaia, Overland, Linea Blu, TV7, Sereno Variabile, La Grande Storia, TG2 Dossier, Frontiere, Ulisse, Turisti per caso, Mixer, La Storia siamo noi, Alle falde del Kilimangiaro, Chi l'ha Visto?, etc.)