BIOGRAFIA DISCOGRAFIA MUSICISTI E STRUMENTI RECENSIONI COLLABORAZIONI RECENT WORKS MULTIMEDIA CONTATTI   ENGLISH VERSION
 
  da: New Age & New Sounds - Febbraio 2009 (intervista di Sergio D'Alesio):
  (...) "Fra oriente e occidente - Il polistrumentista, compositore e ricercatore di musica etnica crea il suono vibrante e originale del progetto Meetings,nato dall’interazione fra gli strumenti del mondo classico e la world music” " (leggitutto)
da: New Age & New Sounds - Luglio 2006 (intervista di Lauro Tamburi )
(...) "e' capace di proporre con linguaggio nuovo e tutt'altro che ostico, suoni "spirituali", senza che quasi nessuno se ne accorga. Il che e' segno certo di uno spirito grande" (leggi tutto)
da: New Age & New Sounds - Novembre 2004 (intervista di Sergio d'Alesio)
(...) "I profumi, i colori, le atmosfere e i suoni di un luogo meraviglioso, ideale punto di incontro fra culture e ideologie differenti." (leggi tutto)
da: Tutto Chitarra - Agosto 1998 (intervista con Giordano Selini)

(...) "pathos e melanconia, soavita' e naturalezza, suscitano immagini nate dal suono ammaliante dei suoi strumenti etnici a corda." (leggi tutto)



  recensioni

 
Movimentiprog - Donato Zoppo
"Intriso d'oriente e misticismo, il nuovo splendido disco di un grande compositore. Ammaliante, intenso, struggente. Il nuovo album di Tito Rinesi è un viaggio nelle regioni più recondite dello spirito, un atto di omaggio e di gratitudine, un incontro con culture diverse, con musiche lontane ..... "
Abulqasim
"Bellissima quanto anomala "Resurrexi" dove si dispiega alta la voce di Rinesi, figlia degli insegnamenti di un maestro assoluto del canto indiano quale Pandit Pran Nath, a realizzare un brano il cui unico precedente/paragone che mi viene in mente è lo storico, e in parte dimenticato, "Te deum" di Juri Camisasca ..... "
WordPress - Isabella Moroni

"Resurrexi” un antico brano in latino che immediatamente vibra oltre il suo testo ed il suo significato, sembra una porta attraverso la quale passare per raggiungere tutto quello che non abbiamo ancora conosciuto. Un brano che è un lasciapassare verso il sacro .....

Suono - Sergio D'Alesio
"Di fronte a un schermo immaginario l’ascolto di Suite della favorita, Monsoon, Erzurum, Le braccia di Demetra, 11 passi di danza, Tabriz, il solo di piano La quete e Ribi regala un viaggio sonoro di gran fascino ....."


 
L'Espresso
"Oltre venti anni di ricerche nell'ambito della musica etnica del Mediterraneo e del Medio Oriente hanno reso Tito Rinesi una vera autorità in materia."
Audioreview
"E' un suono fascinoso e suggestivo, quello creato da Rinesi e dai suoi compagni d'avventura."
Worldmusic
"Il pentagramma mediterraneo del compositore polistrumentista (saz, piano, tastiere, bouzouki, voce), affermato autore di colonne sonore per cinema, teatro e televisione, si riempie di note suggestive e immaginifiche, di accostamenti timbrici inusati"
Suono
"Mare Nostrum è un avventura nuova, ma sintonizzata verso le tradizioni musicali del bacino mediterraneo, dell'India, e di altri paesi orientali."
Supereva
"E’ un sound che conquista: festival di colori e misteri, continua fonte di dubbio e di riflessioni sulla conoscenza e l’essenza dell’uomo."
L'isola che non c'era
"Se il clima del Mediterraneo è destinato a cambiare definitivamente questa è già la nostra musica."
Re Nudo
"Rinesi è riuscito a includere testi importanti su una musica che già da sola basterebbe a posizionare questo lavoro tra i migliori esempi di canzone orientale."
Wonderous Stories
"Dedicato al maestro Henri Thomasson, “Mare Nostrum” è un lavoro di ispirata world music mediterranea."
 
 
Il Giornale della musica
"Tito Rinesi ama la ricerca dell’intimo, del suono che vibra e turba i sentimenti. L’atteggiamento è quello che più assomiglia ai musicisti orientali: niente viene composto per apparire ma per essere e sentirsi parte di un tutto."
Musica! di Repubblica
"Il romano Tito Rinesi, è un serio studioso di suoni e strumenti che egli utilizza con sensibilità e fervore. Un lavoro incantevole."
Tutto musica
Sa emozionare come pochi, sfoggiando conoscenze profonde del segreto mondo sonoro orientale.
Chitarre
"Si presenta subito inusuale e stimolante questo CD di Rinesi, e si colloca nell’area della ricerca musicale ai confini etnici del Medio Oriente e del Mediterraneo."
World Music
"Fra i brani che maggiormente ci hanno colpito, "Ashark", sorta di meditazione a due tra Rinesi e Alesini, e la smagliante nuova versione di "Nel tempio della memoria"."
Suono
"...una lunga storia, che inizia trent'anni fa ed è forte di un ventennio di studi appassionati delle musiche tradizionali di molti Paesi, medio ed estremo-orientali"
Guitar Club
"Tito Rinesi, legato da sempre alla cultura etnica, è l’autore di una musica che pare rivivere e fondersi in mondi antichi, perduti tra le spire del tempo."
recordheaven.com
A really cool and good album from Tito Rinesi which have plenty of eastern musical influence and mysticism. Very good songs that are quite calm, and superb to chill out to ! Very recommended !
 
 
L'Espresso
"Atmosfere popolari della Grecia e della Turchia, strumenti arabi, africani e persino giapponesi. Un album raffinato e godibilissimo."
Chitarre
"La grossa esperienza che Rinesi ha accumulato in tutti questi anni viene distillata attraverso i solchi di questo album con sapiente saggezza senza nulla togliere al sentimento e alla comunicativa."
World Music
"Tito Rinesi propone composizioni raffinate e suoni ricercati, in parte frutto di campionamenti ed in parte acustici; in evidenza gli strumenti etnici suonati dall'autore."